• coupleinflorence

Il Necciaio, l'artigiano dei necci

M: Avete mai assaggiato un neccio?


E: Se la risposta è no, oltre a dirvi: “male, molto male!”, abbiamo la soluzione per voi: andate dal Necciaio!

M: Giorgio, il nostro necciaio di fiducia, ha aperto un pop-up all’interno di Eataly riscoprendo la ricetta della nonna di questo antico piatto tipico toscano.

E: I necci affondano la loro origine nell’appennino pistoiese e lucchese come piatto unico dei pastori che trascorrevano l’inverno sulle montagne.


M: L’impasto del neccio è a base di farina di castagna o di mais, acqua e sale e quindi totalmente gluten free.

Una volta cotto all’interno di due testi di ferro arroventati può avere una farcitura dolce o salata.

E: La prima farcitura, trattandosi di un piatto che veniva consumato prevalentemente da pastori, era a base di ricotta.

M: Questo è uno dei necci da non perdere assolutamente quando andrete a provarlo per gustare il sapore autentico e originario.


E: Giorgio ha creato delle varianti sull’impasto tradizionale e sulle farciture per avvicinare l’antica tradizione del neccio al moderno street food con un progetto originale e personale, forte dell’esperienza della nonna che gli ha insegnato negli anni ad impastare e cucinare i necci.

M: L’impasto di granoturco è proprio della nonna di Giorgio infatti!


E: Oltre al neccio tradizionale, abbiamo assaggiato la farcitura di radicchio e gorgonzola, di salsiccia e stracchino e infine di mortadella.

M: Tutti prodotti di qualità provenienti dalla gastronomia di Eataly!


E: Non vi è venuta voglia di scoprire questa tradizione? A noi, come al solito, ogni volta che scriviamo, è venuta una gran fame!

55 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti